Chi siamo – La sezione astrofili

L’Osservatorio è gestito secondo regolamento da un Consiglio Direttivo (CD) formato da:

  • Direttore: Enrico Giordano
  • Segretario: Claudia Conti
  • Tesoriere: Renata Bobbio
  • Bibliotecario: Anna Cadenasso
  • Redattore: non nominato
  • Manutenzione: Piero Golisano
  • Divulgazione: Enrico Giordano
  • Didattica: Giuseppe Veneziano
  • Ricerca: non nominato
  • Probiviri: Alessandro Giannini, Lorenzo Oliviero, Gianni Sluga

La sezione astrofili fu creata in seno all’Università Popolare Sestrese a seguito dell’eclisse totale di Sole che interessò la città di Genova il 15 febbraio 1961. La storia dettagliata fino agli anno ’90 è riportata in questo accurato resoconto dell’ex direttore Ricordo Balestrieri.

Storia dell’Osservatorio Astronomico di Genova [PDF 140KB]

Dalla metà degli anni anni ’90, la divulgazione è stata interessata da un notevole incremento delle attività, che hanno portato ad un picco massimo di visitatori in osservatorio nel periodo 1996/1997 in occasione del passaggio della cometa Hale-Bopp.

Grazie al costante e presente lavoro di Giuseppe Veneziano, Ivan Gennari, dell’ex socio Riccardo Balestrieri e di alcuni loro collaboratori, si apportarono numerose modifiche sul modo di condurre la divulgazione astronomica all’interno dell’Osservatorio, aggiungendo anno dopo anno sempre nuove idee e metodi organizzativi, allacciando numerosi contatti con la stampa e con le emittenti radiofoniche, soprattutto per quanto concerne le serate aperte al pubblico, le mostre fotografiche e la diffusione di massa dei fenomeni astronomici più importanti (articoli ed interviste su comete, congiunzioni, sciami meteorici, ecc.).

Importante è stata la realizzazione nell’anno accademico 1997/1998 di una mostra fotografica permanente da parte di Ivan Gennari (responsabile divulgazione) e Giuseppe Veneziano (direttore), composta di circa 37 pannelli di vario formato contenenti esclusivamente le migliori immagini fotografiche dei soci. Tali pannelli sono stati utilizzati in numerose manifestazioni nel ponente genovese (Stelle a Prà prima e seconda edizione, inaugurazione dell’anno accademico 1998/1999 presso l’Università Popolare Sestrese, Pegli Astronomy) dove sono stati presentati nuovi metodi di divulgazione.

Fra questi metodi possiamo citare l’uso di immagini e filmati da computer, conferenze con proiezione di diapositive, presentazione di pubblicazioni sociali, pannelli didattici, striscione pubblicitario acquistato in occasione della mostra mercato a Villa Rostan di Pegli, utilizzo del planetario Star-Lab grazie alla gentile concessione del DIST della facoltà di Ingegneria dell’Università di Genova, l’importante opuscolo “Le costellazioni” voluto e realizzato dall’ex socio Giuseppe Chiodo con l’ineguagliabile aiuto in memoria di Rodolfo Calafatti ed infine le rilegature degli atti dei seminari di Archeoastronomia, realizzate in collaborazione con l’ALSSA (Associazione Ligure per lo Sviluppo degli Studi Archeoastronomici).

Negli anni 2008, 2009, 2010 l’OAG ha partecipato alle edizioni del “Festival della scienza”, con conferenze ed incontri in Osservatorio che hanno permesso di diffondere la conoscenze astronomiche, sempre con l’approccio divulgativo che contraddistingue le nostre attività esterne quali esse siano (mostre, aperture pubbliche, attività presso le scuole, corsi).

Il 21 maggio 2010, a seguito dell’acquisto di uno strumento rifrattore Celestron C11 e di una montatura EQ6, nonché di un impegnativo lavoro di natura edile e strumentale, si è potuto procedere all’inaugurazione ufficiale della nuova strumentazione e del rinnovato assetto della struttura.

Ad oggi, si ringraziano:

  • il costante e sempre più attento lavoro svolto in questi ultimi anni da Enrico Giordano che ha permesso di perseguire uno degli obiettivi più importanti della nostra associazione, ovvero il contatto e la divulgazione delle materie astronomiche nei riguardi della popolazione.
  • Il socio Franco Mulato, che ha realizzato e realizza la maggior parte delle immagini digitali presenti sul nostro sito (immagini che vengono utilizzate anche come valido supporto per le spiegazioni sviluppate sull’argomento dell’astronomia digitale nel Sistema Solare) e che è stato il promotore ed il trascinatore dell’attività di rinnovo strumentale della struttura.
  • Il lavoro svolto da Ivan Gennari (responsabile della manutenzione), che ha realizzato un nuovo impianto di distribuzione audio e video che permette di offrire ai visitatori, un nuovo ed accattivante sistema di divulgazione tramite l’ausilio di video e microfoni. In questo modo è possibile offrire immagini suggestive di supporto alle spiegazioni orali; portando così il visitatore alla scoperta dell’astronomia nel modo più diretto, semplice ed intuitivo possibile (per informazioni consultare la sezione “progetti dei soci”.
  • Il socio ed ex direttore Lorenzo Oliviero, che con le sue competenze scientifiche ha permesso un salto di qualità nelle attività di OAG, specie nel campo divulgativo
  • All’impegno dello stesso Lorenzo Oliviero e di Simona Ferrando nel reperimento di fondi, necessari per garantire la sopravvivenza ed il miglioramento di OAG.
  • L’impegno del socio Fulvio Giardini e dell’amico Carlo Poggi per la realizzazione e la manutenzione del sito internet della nostra associazione.
  • Alcart s.n.c. per aver prodotto una nuova veste grafica del pieghevole illustrativo della nostra struttura.

Vai ad inizio pagina

© 2006-2017 Osservatorio Astronomico di Genova | Crediti | RSS