L isola di Capri è da tempo immemorabile uno dei luoghi più suggestivi al mondo. Divenuta di proprietà imperiale al tempo dell imperatore romano Ottaviano Augusto, fu in seguito eletta a residenza permanente dal suo successore Tiberio, il quale vi costruì numerose ville, la più famosa delle quali, secondo lo storico Svetonio, era la celebre Villa Jovis, i cui resti sono tuttora visibili nella parte orientale dell isola. La propensione di Tiberio per gli studi astronomici e astrologici è nota dalle testimonianze storiche. L analisi delle piante delle strutture ha evidenziato un sostanziale orientamento verso il sorgere del Sole agli equinozi, fenomeno che è visibile con uno scarto di soli tre gradi all interno del corridoio di una struttura semicircolare detta emiciclo . Il rilievo fotografico del sorgere del Sole ha permesso inoltre di stimare con precisione l orientamento verso i quattro punti cardinali di un altra importante struttura a pianta quadrangolare situata nelle immediate vicinanze della Villa, il cosiddetto Faro Grande . Questa poderosa torre, che in origine doveva essere alta circa 59 metri e che si elevava ben al di sopra della villa principale, serviva molto probabilmente come torre di segnalazione. Essa era visibile ovunque lungo la costa campana con essa Tiberio dirigeva la vita dell impero. Inoltre, il suo orientamento sui punti cardinali ne faceva il luogo ideale per le osservazioni ed i calcoli astronomici di Tiberio e del suo amico e astronomo Trasillo.